18+ | Gioca Responsabilmente | Si applicano Termini & Condizioni | Solo nuovi clienti | Contenuto Commerciale

La Storia del Gioco d’Azzardo

In qualche modo, il gioco d’azzardo esiste sin dagli albori dell’umanità. Ci sono testimonianze di disegni nelle caverne raffiguranti esempi di scommesse, i quali suggeriscono che il gioco sia sempre stato importante. Si potrebbe asserire che sia semplicemente una parte della nostra natura di uomini.
Sebbene sia difficile trovare documentazioni ufficiali a riguardo, è noto che il gioco d’azzardo sia stato parte della nostra vita sin dall’antichità. Si narra addirittura che gli Dei Greci Zeus, Ade e Poseidone, abbiano diviso l’universo giocandosi Inferno, Paradiso e Mare con un lancio di dadi. Non tutti siamo abili giocatori, ma sembrerebbe che con l’avanzamento della tecnologia il gioco d’azzardo stia diventando più popolare, in quanto sempre più frazioni di società si stanno avvicinando, in qualche modo, al mondo delle scommesse.
Il gioco d’azzardo, nella sua forma più basilare, consiste nel puntare soldi – o comunque qualcosa di valore – su un evento che abbia un esito incerto, con una ricompensa attesa corrispondente alla vincita di denaro o di altri premi. Oggigiorno, ciò potrebbe significare puntare tutto sul Real Madrid che vince la Champions League. In passato, potevano essere i Nativi Americani a puntare sull’esito dei propri raccolti. Qualunque sia l’evento in questione, gli uomini si sono sempre divertiti a fare pronostici sui risultati con l’aspettativa di una ricompensa. Ma da dove è iniziato tutto?

La Storia del Gioco d’Azzardo

La Storia del Gioco d’Azzardo – Origini del Gioco d’Azzardo

Per quanto sembri che l’umanità abbia sempre scommesso, in un modo o nell’altro, la prima testimonianza di gioco d’azzardo risale all’Antica Cina, intorno al 2300 a.C.. Sono state scoperte alcune mattonelle che suggeriscono che i giochi di probabilità esistessero già più di 4000 anni fa. Il Libro Cinese delle Canzoni, una collezione di poesie datate fra XI e VII secolo a.C, menziona un gioco delle mattonelle molto simile alla lotteria che conosciamo oggi, la quale probabilmente si è ispirata ad esso.
E’ stato ben documentato che gli antichi Greci e Romani fossero grandi appassionati di gioco d’azzardo e, diverse scoperte, hanno riscontrato che esso fosse una parte importante nella vita quotidiana di quelle società. Addirittura, un paio di dadi truccati è stato rinvenuto nelle rovine di Pompei, il che dimostra che già allora molte persone fossero disposte a barare pur di vincere. Il gioco era talmente popolare, nell’Impero Romano, che esisteva una legge la quale imponeva l’insegnamento del lancio dei dadi a tutti i bambini.
Sembra che i giochi di dadi siano sempre stati molto popolari, in tutto il mondo ed in tutta la storia, mentre il primo esempio di giochi di carte proviene, ancora una volta, dalla Cina del IX secolo. Dalle testimonianze che abbiamo, sembra che i giochi di allora non abbiano somiglianze con quelli che conosciamo oggi, ma sicuramente prevedevano un elemento di “azzardo”.

Casino Royale

Il primo esempio di giochi di carte, ancora ampiamente conosciuto e praticato oggi, risale al 1400, quando il baccarat fu menzionato sui giornali per la prima volta. Sebbene non sia così famoso come il poker o il blackjack tra i giocatori odierni, questo gioco di carte a due è ancora presente nei casinò – online e reali – ed è particolarmente popolare tra i giocatori accaniti.
Le case da gioco, come le intendiamo oggi, apparvero per la prima volta in Italia agli inizi del XVII secolo, nonostante luoghi creati apposta per giocare esistessero da molto prima. Apparentemente, il caos del Carnevale di Venezia, a quei tempi, obbligò i giocatori a mettere sù dei casinò in cui potessero scommettere in pace. Ma, nel XIX secolo, questo tipo di case da gioco divenne popolare in tutta Europa.
Vingt et Un, precursore del gioco che conosciamo oggi come blackjack, si era già ampiamente diffuso in Francia e la roulette era diventata uno dei giochi preferiti dagli amanti del casinò. Il casinò di Montecarlo adottò la versione a singolo zero, che si divulgò rapidamente nel resto d’Europa (nonostante la variante a due zeri restò popolare negli Stati Uniti).
Il poker non era così diffuso come oggi ma, a partire dagli inizi del XIX secolo, molti casinò iniziarono a proporre il gioco e le sue tante varianti. Più o meno nello stesso periodo, l’uso delle macchine che oggi chiamiamo slot, apparve a New York. Le prime risultavano decisamente complicate ma, la macchina Liberty Bell sviluppata a San Francisco, era molto più semplice e subentrò rapidamente sul mercato. E’ in onore di questa macchina che, ancora oggi, le campanelle costituiscono il simbolo delle slot e delle fruit machine.

Controlli sulle Scommesse

Ma fu proprio dopo queste innovazioni che il gioco d’azzardo – almeno in una parte del mondo – subì un leggero colpo. Gli Stati Uniti d’America, infatti, hanno sempre avuto un rapporto di amore/odio con il gioco – probabilmente a causa delle diverse visioni degli antichi coloni Europei, alcuni dei quali erano puritani, mentre altri appartenevano semplicemente a comunità alla ricerca di una vita migliore nel Nuovo Mondo.
Quando la frazione meno tollerante della società giunse al potere, nel 1910, iniziò l’era del Proibizionismo Americano, durante cui il gioco d’azzardo fu bandito insieme al consumo di alcolici. Tuttavia, entrambe le attività continuarono clandestinamente e divennero più popolari che mai – anche se illegali. Ovviamente, nel resto del mondo il gioco e le scommesse restarono apprezzati come prima e, con l’avanzamento della tecnologia e dello sport, divennero una parte dell’esperienza comune. Gli anni ‘30 videro la fine del Proibizionismo, giusto perché gli americani iniziarono ad appassionarsi alle scommesse sulle corse dei cavalli.

Un Posto per Scommettere

Il XX secolo vide un forte aumento della popolarità del gioco d’azzardo tra le masse, in quanto vennero approvate nuove leggi in diversi Paesi che lo resero legale e più regolamentato. Nel Regno Unito, un nuovo atto sul gioco d’azzardo, nel 1960, spianò la strada alla nascita delle agenzie di scommessa e, il 1° maggio 1961, il primo bookmaker aprì le sue porte su una strada principale. Risultò così apprezzato dal pubblico britannico che altre 10.000 agenzie in tutto il Paese aprirono entro la fine dell’anno.
Per tutto questo tempo, mentre il gioco d’azzardo continuava a farsi strada tra tutti gli strati della società, l’introduzione delle agenzie di scommessa focalizzò l’attenzione, in particolare per quanto riguarda le scommesse sportive, su uno spazio comune e condiviso.
In America, i casinò si rivelarono una grande novità negli Stati che ammettevano il gioco sfarzoso e di stile (oltre che, potremmo dire, potenzialmente pericoloso) sull’impronta dei grandi siti di Las Vegas. Questi divennero l’epitopo moderno del gioco d’azzardo nei casinò – tanto quanto le loro sofisticate controparti europee.
Nonostante la salita alla ribalta del gioco d’azzardo “ufficiale”, questo era ancora considerato qualcosa di controcorrente: le agenzie di scommessa erano viste come luoghi oscuri e squallidi, fonte di problemi da cui stare lontano; i casinò di alta classe risultavano invece troppo costosi per la società media. Fu l’avvento delle sponsorizzazioni, a partire dagli anni ‘70, che rese definitivamente l’industria delle scommesse di alta tendenza commerciale.

Visibilità

Le compagnie di tabacco ed alcol sfruttarono la nuova legge a proprio vantaggio, sponsorizzando i grandi eventi sportivi e le squadre stesse per permettere alle proprie industrie di raggiungere una fetta sempre più ampia di popolazione, oltre che per diffondere l’idea che si trattasse di compagnie di buon livello. Solo vari anni dopo, queste leggi vennero rovesciate, riducendo notevolmente la visibilità delle compagnie di tabacco ed alcol. Ad oggi, infatti, è molto più comune vedere i giocatori delle più forti squadre di calcio indossare magliette con il logo di un’azienda di scommesse. Questa visibilità, assieme alla popolarità stessa del gioco d’azzardo, ha fortemente contribuito alla stratosferica ascesa di quest’ultimo.

Connettiti e Scommetti

I primi siti per il gioco d’azzardo online apparvero verso la metà degli anni ‘90 e, sebbene non molte persone utilizzassero internet a quei tempi, essi ricevettero subito un buon riscontro. Una delle principali attrazioni delle scommesse online era che non fosse più necessario recarsi di persona in un’agenzia di scommesse o in un bookmaker. Se, infatti, quel mondo ti fosse stato sconosciuto, probabilmente la sua reputazione ti avrebbe ulteriormente scoraggiato ad avvicinarlo. Oggi, invece, puoi giocare in tutta sicurezza direttamente da casa tua.
Sebbene in minima quantità rispetto agli standard di oggi, nel 1998 erano attivi oltre 100 siti di scommesse in tutto il mondo. E fu in quel periodo che le grandi compagnie di scommesse del Regno Unito fecero il loro ingresso sul mercato. I giochi da casinò erano, ovviamente, molto popolari, ma la nuova generazione di giocatori gravitava soprattutto intorno alle scommesse sportive.
Tale incremento di visibilità e partecipazione stravolse completamente l’industria del gioco d’azzardo. Prima del 2000, solo l’1% del mercato si reggeva sul gioco online, ma dal 2015 questo è divenuto molto più popolare rispetto alle operazioni offline. Quella del gioco è un’industria multi-miliardaria e, grazie agli avanzamenti tecnologici a cui stiamo assistendo nell’ambito dei sistemi online, questa non farà che svilupparsi ulteriormente negli anni a venire.
Le compagnie di scommesse sono oggi in grado di aggirare le leggi nazionali sulle tassazioni ed altre formalità legali, grazie alle operazioni online e stabilendo le loro sedi centrali in Paesi più tolleranti. In questo modo, i clienti possono scegliere tra un’ampia varietà di siti quello su cui giocare online in tutta sicurezza. La reputazione di queste aziende è molto migliorata ed una frazione molto più ampia della società oggi si diverte a giocare d’azzardo.

Scommesse da Mobile

Se l’introduzione dei siti di scommesse online rappresentò un cambiamento nell’industria del gioco, il boom successivo avvenne con l’ingresso delle scommesse da mobile. Mentre cresceva la popolarità e l’utilizzo dei telefoni mobili – e poi dei dispositivi tablet – i clienti iniziarono a desiderare di poter accedere ai propri account di gioco da qualsiasi posizione. Le compagnie di scommesse ascoltarono, infatti ad oggi la maggior parte dei principali bookmaker fornisce sia app scaricabili che siti specificamente progettati per essere utilizzati da mobile.
L’incremento delle scommesse sportive è stato fenomenale, con la maggior parte del denaro investito sul calcio rispetto alle corse dei cavalli. La tecnologia ha permesso l’introduzione ed il successo delle scommesse in play – o live -; inoltre, grazie alla velocità delle scommesse online, le agenzie di scommesse possono oggi offrire una più ampia selezione di mercati sportivi – ideale per accontentare i clienti più appassionati.
Anche se esistono regolamenti che vietano il gioco d’azzardo in un alcuni Paesi del mondo, c’è molta più libertà per coloro che scelgono di giocare in conformità ad un determinato sito di scommesse. Quindi, anche se i bookmaker sono stati allontanati dalla popolazione, internet ha riportato il popolo da loro rendendo la possibilità di accesso dipendente solo dalla forza del segnale Wi-Fi!
Il gioco online si concentra essenzialmente sui mercati sportivi e sui casinò – sebbene la politica resti un tema molto popolare. Ad oggi, inoltre, l’ascesa degli e-sports sta facendo sì che anche le grandi compagnie comincino ad introdurre sezioni extra sui propri siti.
Gli e-sports sono essenzialmente dei videogames a cui partecipano vari giocatori, che si sfidano in match o tornei mentre i clienti dei siti di scommesse, titolari di un account, puntano sull’esito degli eventi esattamente come farebbero per una partita di calcio – o come due Antichi Romani avrebbero fatto sul lancio dei dadi secoli fa.

Il Futuro dei Soldi è il Bitcoin?

E’ la costante innovazione a mantenere attraente l’industria delle scommesse ed è il motivo per cui, in molti, continuano ad essere affascinati dall’idea di pronosticare l’esito di un evento – e sperabilmente di vincere denaro facendolo! Un ulteriore cambiamento nel modo di scommettere è stato l’introduzione di diverse valute. Come abbiamo visto, ci sono molte compagnie di scommesse online attive in tutto il mondo, per cui è necessario fornire ai clienti la possibilità di selezionare la valuta con cui scommettere a seconda del Paese di provenienza. Oggi, inoltre, è disponibile un nuovo metodo di pagamento che si adatta perfettamente ad un mondo senza frontiere.
Negli ultimi anni, infatti, molti scommettitori online hanno iniziato ad usufruire dei bitcoin per piazzare le giocate. Questa criptovaluta, interamente digitale, sembra progettata proprio per essere utilizzata in un sistema online, in quanto non prevede l’uso di monete materiali. Inoltre, c’è un limitato numero di bitcoin disponibili (21 milioni), per cui l’inflazione smette di essere un problema.
Alcuni giocatori online sono particolarmente entusiasti dei bitcoin: essi, infatti, garantiscono una maggiore sicurezza per i consumatori in quanto non è più necessario fornire importanti dettagli personali e sulle carte di credito. Inoltre, ricordiamo che le intermediazioni tramite bitcoin sono anonime, il che è positivo per gli scommettitori a seconda del loro Paese di provenienza e delle eventuali restrizioni vigenti sul gioco.

Il Futuro del Gioco d’Azzardo

Mentre l’avanzamento della tecnologia sta ampliando i traguardi ed il raggio del gioco d’azzardo, chi può dire cosa riserverà il futuro? La realtà virtuale entrerà sicuramente a far parte del mondo delle scommesse, in quanto sta subendo un notevole e veloce sviluppo. E’ probabile che le compagnie di scommesse stiano già lavorando ad applicazioni che permetteranno agli utenti di essere parte integrante dell’azione, e non più solo di assistere ai live streaming e di accedere ai “live” casinò.
Qualsiasi cosa sia oggi disponibile, anche se con una tecnologia futuristica che ci permette di divertirci con nuove e sorprendenti modalità di scommessa, le basi del gioco d’azzardo restano le stesse di migliaia di anni fa. Alla fine, punteremo sempre denaro sull’esito di un evento incerto, nella speranza di indovinare e guadagnare. E questa parte della natura umana, probabilmente non cambierà mai.